Come diminuire i carrelli abbandonati e aumentare le tue entrate mensili

by | Apr 11, 2020 | Ecommerce | 0 comments

Per un’azienda di e-commerce, l’abbandono del carrello è lo scenario più comune e inevitabile. Nonostante questa potenziale perdita di vendita, la maggior parte degli esperti di gestori di e-commerce, applicano solo strategie di remarketing.

Il fatto importante è che manca una strategia di marketing adeguata per indirizzare questi potenziali clienti nelle prime fasi del processo di acquisto. Gli acquirenti vengono semplicemente sottoposti a retargeting successivamente solo con Facebook Ads.

Sebbene il retargeting sia un modo efficace per recuperare le entrate perse, la tattica più importante che ho trovato per affrontare l’abbandono del carrello è inviare email di recupero del carrello.

Le email di abbandono del carrello non sono solo incentrate sulla conversione, ma devono avere quel tocco umano che le automatizzazioni possono diminuire. Aggiungi empatia alla tua comunicazione. Le email cosi progettate hanno un’alta percentuale di apertura e una percentuale di clic rispetto alle email promozionali classiche, fredde e distaccate.

Inoltre, l’ email marketing ha dimostrato di avere un ROI (Ritorno sull’investimento) migliore rispetto al social media marketing, SEO e content marketing, motivo per cui l’email marketing è una parte fondamentale della strategia di marketing di ogni attività di e-commerce.

Tuttavia, la maggior parte di questi rivenditori online non ha una strategia email predisposta per il recupero del carrello.

Segmenta e conquista

l successo di una campagna email è direttamente proporzionale alla sua rilevanza. Quando gli i carrelli abbandonati (quindi gli utenti che hanno messo il prodotto nel carrello, ma non hanno ancora acquistato) ricevono email personalizzate, è più probabile che intraprendano l’azione desiderata, ovvero quella dell’acquisto. Le email di recupero del carrello non fanno eccezione a questa regola. 

Ma, quando si tratta di e-mail di carrello abbandonate, la maggior parte degli esperti di marketing ritiene che i buoni sconto possano essere una buona opzione. Non sempre funziona, e sai perche? Per capire l’abbandono del carrello dovresti capire la motivazione che è alla base dell’abbandono, piuttosto che offrire uno sconto sul prodotto stesso.

Ora, la domanda è: come si fa?

Bene, la segmentazione è la chiave per tagliare e tagliare i tuoi abbandoni del carrello in modo che tu possa seguire con messaggi personalizzati in base a dove si trovano nel ciclo di vita del cliente. Il motivo per cui un acquirente per la prima volta potrebbe abbandonare il carrello può essere diverso dal motivo per cui un cliente fedele potrebbe non completare l’acquisto. E questa ragione può variare da sito a sito, da industria a industria e da regione a regione.

Segmentando i tuoi abbandoni in diverse categorie come abbandoni principianti, abbandoni ripetuti e clienti esistenti che abbandonano, puoi inviare messaggi più pertinenti.

Ricorda, il recupero del carrello è un’ottima strategia da utilizzare nel tuo business. Usala senza timori.

Creare un testo empatico. Immedesimati nel’utente

Quando un’email arriva nella tua casella di posta, come decidi di agire? La risposta è alla base di una buona straegia. Immedesimati.

Se ti piace la riga dell’oggetto e se ti fidi del mittente, la aprirai. Altrimenti, è molto probabile che non lo apri. In effetti, il 35% dei destinatari delle e-mail apre un’e-mail basata solo sull’oggetto. Come chi cerca sui motori di ricerca, si basa sul titolo dei risultati di ricerca.

Le tue e-mail sono uniche. Anche i tuoi argomenti dovrebbero esserlo. Quando i destinatari leggono le righe dell’oggetto, è necessario ricordare loro cosa si sono lasciati alle spalle. Un soggetto ben scritto può fare molto per stimolare l’interesse dei clienti riluttanti.

Quindi, non essere pigro, ma fantasioso ed incisivo quando crei le righe dell’oggetto per le e-mail di recupero del carrello. A seconda di ciò che staio tentando di innescare nell’email, puoi includere urgenza, scarsità o emozioni come l’ansia che influenza gli acquirenti titubanti.

Crea le tue linee tematiche per trasmettere il tuo invito all’azione in modo da stimolare l’appetito dei tuoi iscritti. Ma essere diretti non significa che non puoi essere creativo. Ecco alcune linee tematiche che hanno attirato la mia attenzione:

  • La disponibilità delle scorte conta meno di 3 -ansia
  • Avvertenza: gli oggetti incustoditi nella borsa possono essere consumati dagli gnomi -ilarità
  • Hai tenuto d’occhio qualcosa? Goditi la consegna gratuita su miosito.it  -occasione 

Inoltre, assicurati di ottimizzare le righe dell’oggetto per dispositivi mobili poiché oltre il 55% delle e-mail viene aperto su un dispositivo mobile. Anzi possiamo dire che gli accessi da mobile hanno recentemente superato quelli da desktop.

E mantieni l’oggetto della mail corto. Si consiglia di tenerli sotto i 30 caratteri poiché lo schermo mobile medio ha spazio per solo 4-7 parole max.

Non lasciarti ingannare dalle statistiche

Il tempismo è tutto quando si tratta di recuperare i tuoi carrelli persi. Secondo le statistiche, il 90% dei lead si raffredda in un’ora. Ma, prima di seguire ciecamente quella statistica, considera il tipo di prodotto (deperibile o non deperibile), il customer journey, il costo medio del carrello, ecc., Pensa attentamente e immergiti nel tuo cliente con i suoi bisogni e i suoi desideri. Quindi decidi quando inviare la tua email, secondo il tuo ragionamento.

Ad esempio, se qualcuno ha abbandonato uno smartphone nel carrello, potrebbe essere necessario più tempo per finalizzare l’acquisto. Ma la stessa regola non si applica quando un acquirente ha lasciato una maglietta nel carrello. L’oggetto in questione determina la finestra temporale prima che l’utente conclude l’ordine.

Assicurati che le tue mail e i tuoi messaggi siano visualizzati bene su tutti i dispositivi

Puoi creare un’ottima email che include immagini di prodotti, una testo avvincente/convincente, una buona offerta e un buon CTA (call-to-action – invito all’azione). Tuttavia, se non si visualizza bene su tutti i dispositivi, come laptop, tablet e smartphone, non aiuterà ad aumentare le conversioni.

Essere “responsive” è la chiave per rendere l’esperienza del cliente senza interruzioni perché le persone controllano le loro email su diversi dispositivi, principalmente mobili.

L’ottimizzazione delle email per questi dispositivi svolgerà un ruolo significativo nel determinare se le persone completeranno o meno i propri acquisti sul tuo negozio ecommerce.

Pianifica le mail da mandare: quante e quali email possono essere utili?

Mentre una singola email per recuperare il carrello può aumentare le tue conversioni, l’invio di 1 o 2 email di “follow-up” può ottenere il massimo dalle tue campagne di recupero del carrello.

Raccomandiamo di inviare una serie di 2-3 email a intervalli di tempo determinati. La prima email, entro un’ora, potrebbe essere una leggera spinta che ricorda ai clienti che hanno lasciato qualcosa nel carrello.

Se la prima email non persuade i clienti a completare l’acquisto, una seconda email potrebbe essere attivata con l’obiettivo di indurre un bisogno o un’ urgenza.

E, per quei clienti che ancora non si convertono, potrebbe essere attivata una terza e ultima email per convincerli con un incentivo a completare l’acquisto.

Le email di follow-up possono anche essere attivate automaticamente controllando il tuo magazzino, se la giacenza dei prodotti è inferiore ad un numero da te stabilito. Ad esempio, se il numero di unità del prodotto nell’inventario scende a un certo numero, questo potrebbe dar scattare l’automazione e l’invio dell email.

Non inviare tonnellate di email per testare l’automatizzazione e il followup sui clienti. Sii diligente e pianifica come e quanto le email devono essere inviate, e in quali circostanze. Nessuno di noi vuole avere 100 email provenienti da un mittente. Devi trovare l’equilibrio fra quello che può essere utile e quello che è eccessivo.

Personalizza sempre le email immedesimandoti nel cliente, in tutte le fasi di acquisto e di followup delle email.

Personalizza le email di abbandono del carrello in base al ciclo di vita del cliente

Per facilitare gli sforzi di recupero del carrello, è necessario personalizzare i messaggi e-mail in base alle varie fasi del ciclo di vita del cliente.

Ad esempio, se un cliente abituale abbandona il suo carrello, invece di inviare un promemoria amichevole, dovresti chiedergli se ha riscontrato problemi durante il checkout.

Inoltre, per questi clienti, non sborsare contanti per incentivare l’acquisto per non rischiare di condizionarli per uno sconto sull’acquisto ogni volta. Idealmente, dovresti testare una serie di approcci personalizzati per ottenere risultati migliori. E, non dimenticare di testare il numero ideale di messaggi di recupero del carrello per ogni fase.

Il testing e le prove, sia in termini di quantità di email inviate sia il testo e il titolo delle email dovrebbero essere continuamente testate fintanto che non trovi la quadratura del cerchio.

 

 

1 ORA GRATIS

Parlaci del tuo progetto 

Fissa un appuntamento per parlarci del tuo business.
Un ora dedicata alla tua attività per trarre il massimo vantaggio.

La consulenza include: analisi sito web, presenza social, obiettivi di business, panoramica account pubblicitari se presenti.
Nota: appuntamenti telefoni, Skype oppure Google Hangout