Come Ottimizzare le Campagne Google Ads

by | Apr 11, 2020 | Google Ads | 0 comments

Ottimizzazione della struttura dell’account Google Ads

Di tutti i gli elementi che puoi ottimizzare in Google Ads, la struttura effettiva del tuo account è probabilmente la più importante.

Gli account strutturati in modo inadeguato possono portare a una serie di problemi, da punteggi di qualità inferiori ai i costi più elevati (spesso sostenuti di conseguenza), e generare molti altri problemi.

La chiave per un account Google strutturato in modo ottimale è l’organizzazione e, trascorrendo un pò di tempo a strutturare correttamente gli elementi che compongono il tuo account di Google, sarai in grado di raggiungere potenziali clienti con i tuoi annunci.

Ecco come appare un account strutturato in modo ottimale:

adwords-optimization-optimal-account-structure

Come puoi vedere, questo account di esempio comprende quattro elementi principali:

  • Campagne
  • Gruppi di annunci
  • Annunci
  • keyword-parole chiave

Una singola Google Ads conto  può avere più campagne attive in un dato momento. In questo esempio, questo account ha due campagne, la Campagna 1 e la Campagna 2. La prima campagna potrebbe essere una campagna di ricerca (che in genere significa annunci basati su testo offerti agli utenti di Google che cercano cose utilizzando Google), mentre la Campagna 2 potrebbe essere una campagna display, che privilegia più annunci visivi come banner su una vasta rete di siti che si estende su quasi tutto il Web.

Scendendo più in basso nel diagramma della struttura dell’account Ads, noterai che ogni campagna ha due  gruppi di annunci; La campagna 1 comprende il gruppo di annunci 1a e il gruppo di annunci 1b, mentre la campagna 2 comprende il gruppo di annunci 2a e il gruppo di annunci 2b.

Come suggerisce il nome, i gruppi di annunci sono gruppi di annunci che sono stati organizzati e classificati in base alla pertinenza semantica. Ciò significa che le parole chiave dei gruppi di annunci devono essere organizzate in base al loro significato. Ad esempio, se gestisci un negozio di abbigliamento e abbigliamento, il gruppo di annunci 1a potrebbe comprendere parole chiave relative a cappelli e sciarpe, mentre il gruppo di annunci 1b potrebbe concentrarsi esclusivamente su giacche e cappotti. Infine, puoi vedere che ogni gruppo di annunci ha le sue parole chiave, nonché due singoli annunci che presentano le parole chiave semanticamente correlate di quel gruppo di annunci.

La strutturazione di un account Google Ads in questo modo offre una serie di vantaggi. Questo approccio non solo semplifica la gestione del tuo account, ma assicura anche che i tuoi annunci e i relativi gruppi di annunci siano il più pertinenti possibile. Questo, a sua volta, significa che i tuoi annunci verranno mostrati alle persone giuste, al momento giusto, nel posto giusto.

Ci sono altre considerazioni da tenere in considerazione oltre alla struttura dell’account quando si tratta della visibilità dei tuoi annunci, come strategie di offerta, tipo di corrispondenza delle parole chiave e altri parametri di targeting, ma strutturare il tuo account logicamente e semanticamente dovrebbe essere il primo passo in qualsiasi Flusso di lavoro di ottimizzazione degli annunci di Google.

Per maggiori dettagli su come strutturare in modo ottimale il tuo account, consulta  l’ultima guida alla struttura dell’account Google Ads di cui avrai mai bisogno.

Ottimizzare le impostazioni degli annunci per ridurre i costi

Esistono diversi modi per controllare i costi di Ads ottimizzando varie impostazioni e opzioni di targeting nel tuo account.

Parole chiave a corrispondenza inversa

Nonostante il loro nome, le parole chiave a corrispondenza inversa non sono parole chiave con connotazioni negative, ma piuttosto parole chiave che un inserzionista potrebbe non voler pubblicare i propri annunci nelle ricerche degli utenti.

Ad esempio, supponiamo che tu gestisca un negozio di articoli per giardinaggio. Stai pianificando la tua prima campagna ed è tempo di selezionare le parole chiave su cui vuoi fare offerte. Qualunque parola chiave che includa la frase “giardino” è pertinente, giusto?

Non esattamente. Che ne dite di una ricerca informativa di curiosità sul film commedia romantica del 2004,  Garden State ? O ricerche di musica della band pop degli anni ’90 Savage Garden? O una ricerca di navigazione per il servizio clienti della rivista Better Homes and Gardens?

Nessuna di queste ricerche verrebbe mai convertita per il nostro ipotetico negozio di articoli da giardino e come tali parole chiave dovrebbero essere escluse dalle tue campagne come parole chiave a corrispondenza inversa.

Poiché agli inserzionisti viene addebitato un determinato importo ogni volta che qualcuno fa clic su un annuncio (da cui il nome “pubblicità pay-per-click”), è fondamentale che gli inserzionisti escludano i termini di ricerca irrilevanti dalle loro campagne o finiranno per pagare per i clic che non verranno mai convertiti. Nonostante l’importanza di escludere parole chiave a corrispondenza inversa, è sorprendente il numero di inserzionisti, in particolare i nuovi arrivati ​​nella ricerca a pagamento, che non riescono ad escludere parole chiave inutili.

Per ulteriori informazioni sull’esclusione dei negativi e sulla creazione di elenchi di parole chiave a corrispondenza inversa, consulta  questa guida per la creazione di un elenco di parole chiave a corrispondenza inversa .

Parametri di targeting

Uno dei maggiori punti di forza di Google Ads è la granularità con cui gli inserzionisti possono rivolgersi a potenziali clienti. Tuttavia, per quanto potenti siano le opzioni di targeting di Google, richiedono cura e attenzione se i tuoi annunci devono essere visti dalle persone giuste, al momento giusto, nel posto giusto.

Sebbene l’opzione di targeting principale di Ads siano le parole chiave, ci sono molti altri parametri che gli inserzionisti possono utilizzare nelle loro campagne.

Come ottimizzare le impostazioni di geolocalizzazione

Il primo parametro di targeting Ads che ottimizzeremo sono le nostre impostazioni di geolocalizzazione. Ads consente agli inserzionisti di perfezionare le aree in cui vengono pubblicati i loro annunci. Ciò non significa la posizione o la posizione degli annunci nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca, ma piuttosto dove si trovano i potenziali clienti nel mondo reale nel momento in cui conducono le loro ricerche.

Ad esempio, supponiamo che tu gestisca un’attività di fabbro a Boston. L’area operativa principale della tua attività è la più grande area metropolitana di Boston, che comprende molte altre città oltre i limiti di Boston. Data l’attenzione locale della tua attività di fabbro, dobbiamo impostare i nostri parametri di targeting per geolocalizzazione per garantire che solo i potenziali clienti situati a Boston o nelle vicinanze vengano mostrati i nostri annunci insieme ai risultati di ricerca pertinenti.

Possiamo farlo esaminando le nostre impostazioni di geolocalizzazione in Ads. Questi sono disponibili nelle impostazioni della nostra campagna, a cui è possibile accedere tramite la scheda Impostazioni> Posizione e lingue> Posizioni.

Da qui, possiamo specificare le località in cui vogliamo che vengano pubblicati i nostri annunci. Per iniziare, inizia semplicemente a digitare il nome della posizione desiderata nel relativo campo, quindi seleziona la posizione dall’elenco. Tieni presente che puoi scegliere come target interi stati o province, singole città, codici postali e codici postali specifici e persino determinati singoli aeroporti.

Puoi anche scegliere come target località specifiche tramite il targeting per raggio. Ciò ti consente di specificare che i tuoi annunci vengano mostrati agli utenti entro un raggio specificato di un determinato punto, cioè entro un raggio di 20 miglia da una città specifica. Usando la nostra ipotetica attività di fabbro come esempio, possiamo impostare il nostro raggio di geolocalizzazione in modo da comprendere un raggio di 20 miglia intorno alla città.

Le aziende che operano in specifici mercati regionali o singole città devono assicurarsi che i loro parametri di geolocalizzazione siano impostati correttamente al fine di massimizzare l’impatto delle loro campagne. Per ulteriori informazioni sull’ottimizzazione delle impostazioni di posizione di Ads, consulta  questa guida completa al targeting per località in Ads.

Come ottimizzare le impostazioni di dimensione

Oltre a impostare i parametri di posizione desiderati all’interno di Google Ads, possiamo anche ottimizzare i giorni e gli orari durante i quali i nostri annunci dovrebbero essere mostrati ai potenziali clienti. Ciò si ottiene modificando le nostre impostazioni di dimensione, a cui è possibile accedere a livello di campagna tramite la scheda Dimensioni.

Navigando su Visualizza> Ora> Giorno della settimana (puoi anche impostare qui specifici parametri dell’ora selezionando Ora del giorno), possiamo vedere quali giorni della settimana sono più attivi in ​​termini di clic, impressioni, percentuale di clic , Costo per clic medio e Costo.

Come puoi vedere nella figura seguente, questa campagna ha visto un aumento dell’attività martedì e mercoledì (che possiamo vedere nei clic e nelle impressioni), ma la percentuale di clic era quasi doppia rispetto alla domenica. Se volessimo sfruttare questa tendenza, potremmo utilizzare le impostazioni di suddivisione in fasce di Ads per dare priorità alla pubblicazione di annunci la domenica.

Per fare ciò, dobbiamo accedere alle nostre opzioni di pianificazione degli annunci. È possibile accedervi accedendo alla scheda Impostazioni nella vista Campagna, quindi selezionando “Pianificazione annunci”

Ora fai semplicemente clic sul pulsante rosso “Pianificazione annunci”, quindi scegli i giorni della settimana e le ore del giorno in cui desideri visualizzare i tuoi annunci.

La combinazione delle impostazioni di dayparting con i parametri di targeting per geolocalizzazione può essere un modo immensamente potente per perfezionare dove e quando i tuoi annunci vengono mostrati ai potenziali clienti. Per ulteriori informazioni sull’ottimizzazione delle impostazioni di dayparting in Ads, consulta questa guida al targeting per geolocalizzazione e PPC locale.

Ottimizzazione delle offerte di annunci Google

Le opzioni di offerta di Google sono altamente granulari e sfumate, permettendoti di esercitare un grande controllo su come e quando fai offerte per le parole chiave più preziose per la tua attività. Tuttavia, poiché la tua strategia di offerta ha un impatto diretto su come viene allocato e speso il tuo budget pubblicitario, è fondamentale regolare attentamente le tue impostazioni di offerta.

Le offerte in Ads possono essere gestite manualmente, ma possono anche essere automatizzate utilizzando gli script di Ads (piccoli frammenti di codice tipicamente scritti in JavaScript che eseguono attività specifiche in modo automatico) e trigger condizionali, ad esempio offerte più sulle parole chiave destinate al traffico mobile o su determinati tipi di dispositivi mobili , facendo offerte meno sulle parole chiave in periodi specifici e dozzine di altri parametri.

Per quanto la gestione delle offerte sia importante per qualsiasi flusso di lavoro di ottimizzazione di Ads, è importante notare che l’utilizzo della giusta strategia di offerta non è solo un modo per garantire che il budget degli annunci venga speso saggiamente, ma è importante anche dal punto di vista del rendimento.

Ad esempio, per continuare il nostro esempio di attività di fabbro con sede a Boston da prima, diciamo che vogliamo che i nostri annunci vengano mostrati alle persone che cercano fabbri dopo essersi ritrovati chiusi fuori dalle loro case. Dato che questo tipo di query ha un forte intento commerciale, vogliamo dare la priorità al targeting di questi potenziali clienti rispetto ad altri perché queste ricerche hanno molte più probabilità di tradursi in una conversione.

Possiamo farlo modificando la nostra strategia di offerta per fare offerte più su parole chiave come “fabbri  vicino a me ” o “fabbri  vicino alla mia posizione “; queste parole chiave sono potenzialmente molto più preziose delle query con meno intenti commerciali, quindi ha senso che faremmo offerte più per queste parole chiave. Potremmo anche impostare offerte più elevate per le ricerche contenenti queste parole chiave eseguite su un dispositivo mobile, poiché ciò significa anche un forte intento commerciale.

Le offerte in Ads sono un argomento molto ampio e complesso che va oltre lo scopo di questa guida. Per ulteriori informazioni sulle strategie di offerta in Ads, consulta le seguenti risorse:

  • Guida alla gestione delle offerte di Ads
  • Strategie di offerta facili per principianti e matematici
  • 5 script di Ads per offerte più intelligenti

Ottimizzazione del testo degli annunci e delle pagine di destinazione in Google Ads

L’elemento finale della nostra guida all’ottimizzazione di Ads è tra i più importanti: l’ottimizzazione del testo dell’annuncio e delle pagine di destinazione che accompagnano i nostri annunci.

L’ottimizzazione del testo dell’annuncio può essere difficile per molti inserzionisti, in particolare quelli con campagne di grandi dimensioni con decine di gruppi di annunci. Per complicare le cose, gli annunci dovrebbero essere ottimizzati sia per le campagne desktop che per quelle mobili, comprese le estensioni da utilizzare. Aggiungilo alle pressioni quotidiane della gestione di un’azienda e diventa chiaro perché così tanti inserzionisti faticano a mantenere i loro annunci di testo strettamente ottimizzati.

Esistono molti modi per scrivere un annuncio di testo efficace quante sono le attività pubblicitarie su Ads. Tuttavia, i migliori annunci Ads condividono tutti diversi aspetti.

I migliori annunci di testo:

  • Includi una parola chiave pertinente almeno una volta, soprattutto nel titolo
  • Trasmettere in modo efficace l’esclusiva proposta di vendita (USP) della tua azienda o il motivo per cui i potenziali clienti dovrebbero scegliere la tua azienda rispetto a un concorrente
  • Presenta un invito all’azione (CTA) convincente che dice al potenziale cliente cosa fare e cosa aspettarsi quando fa clic sul tuo annuncio.

Annunci basati su funzionalità e annunci basati su vantaggi

Accertarsi che i tuoi annunci includano gli elementi precedenti è un eccellente primo passo verso la creazione di annunci di testo con rendimento migliore e con conversioni più elevate. Tuttavia, questo da solo non è abbastanza: devi anche considerare come inquadrare i tuoi annunci.

Esistono due modi principali per inquadrare o posizionare i tuoi annunci: orientati alle funzionalità o ai vantaggi . Sebbene la messaggistica basata sulle funzionalità possa essere efficace in determinate circostanze, gli annunci basati sui vantaggi tendono a ottenere risultati migliori. Questo perché gli annunci pubblicitari orientati ai benefici fanno appello al desiderio principale dei consumatori di risolvere un problema specifico. Pertanto, gli annunci basati sui benefici spesso usano un linguaggio di collegamento come “noi” e “noi” per creare e rafforzare una relazione con il potenziale cliente e utilizzare un linguaggio aspirazionale e evocativo per aiutare i potenziali clienti a visualizzare quanto meglio sarebbe la loro vita se hanno utilizzato i tuoi prodotti o servizi.

Uso della lingua attiva negli annunci di testo

Indipendentemente dal fatto che i tuoi annunci siano principalmente orientati alle funzionalità o ai vantaggi, la lingua effettiva che scegli di utilizzare può avere un impatto drammatico sul rendimento dei tuoi annunci e campagne. L’uso di verbi forti e attivi può rendere i tuoi annunci significativamente più interessanti.

Nella figura seguente, vedrai due annunci. L’annuncio originale (che sarebbe chiamato annuncio di “controllo” in un test A / B o multivariato) è a sinistra, mentre il nuovo annuncio rivisto (noto come “variante”) è a destra.

Vi sono lievi differenze nella copia di ciascun annuncio, ma si noti l’inclusione di un verbo forte e attivo (“Aumenta”) nella variante. Questo annuncio ha  aumentato i clic del 150% , il che significa che  l’uso di un verbo attivo nel titolo ha più che raddoppiato il rendimento di tale annuncio .

Se i tuoi annunci fanno fatica a raggiungere i risultati desiderati, potrebbe valere la pena riscrivere alcuni dei tuoi vecchi annunci e testarli per vedere come si accumulano.

Ottieni un rapporto gratuito per verificare l’ottimizzazione del tuo account Google Ads

Se stai cercando un modo semplice e veloce per verificare l’ottimizzazione del tuo account pubblicitario Google in tutte queste aree, prova la valutazione del rendimento di Ads gratuita.Questo premiato strumento esegue un controllo rapido sul tuo account Ads e fornisce un rapporto completo che ti mostra dove il tuo account è ottimizzato e dove ha bisogno di lavoro.

 

1 ORA GRATIS

Parlaci del tuo progetto 

Fissa un appuntamento per parlarci del tuo business.
Un ora dedicata alla tua attività per trarre il massimo vantaggio.

La consulenza include: analisi sito web, presenza social, obiettivi di business, panoramica account pubblicitari se presenti.
Nota: appuntamenti telefoni, Skype oppure Google Hangout